Cos’è veramente il Vino?

Il VINO è una bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione dell'uva, il frutto della vite.

cos'è veramente il vino: fermentazione

Cos'è l'Uva da Vino?

uva da vino

L'uva utilizzata per il vino è differente dall'uva da tavola. In Europa il vino può essere prodotto solo da uve della specie Vitis Vinifera. Negli Stati Uniti invece può essere usata anche la Vite Americana, di cui esistono differenti specie, come la Vitis labrusca o la Vitis Riparia. Esistono tantissime varietà di Vitis Vinifera, molte conosciute da tutti come Merlot, Chardonnay, Cabernet Sauvignon...

L'Italia è il paese con il numero più alto di vitigni autoctoni (ovvero vitigni coltivati e vinificati nella loro zona di origine) registrati e usati per la vinificazione: sono al momento più di 500, con almeno 1000 varietà depositate presso i centri di ricerca.

Cos'è la Vite?

La pianta della vite

La vite è una pianta perenne, che può essere coltivata tra il 30° e il 50° parallelo a Nord dell'Equatore, e tra il 30° e il 50° parallelo a Sud dell'Equatore. Una volta all'anno produce uva. Diversi fattori ambientali e umani influiscono sulla quantità e sulla qualità dell'uva e di conseguenza del vino.

Cosa si intende con "Annata"?

L'Annata del vino, o "Vintage" in inglese e francese, si riferisce all'anno di vendemmia, cioè l'anno in cui è stata raccolta l'uva. Si può indicare se almeno l'80% dell'uva è stata raccolta in quell'annata. Negli spumanti, "millesimato" vuol dire vino d'annata.

etichette del vino e annata

Se sull'etichetta non è indicato l'anno, il vino è ottenuto da uve raccolte in annate diverse.

? Curiosità

Da dove viene il termine "Vintage"?

"Vintage" viene dal francese antico vendenge «vendemmia», che a sua volta deriva dal latino vindemia. Dunque vintage vuol dire propriamente "vendemmia", e in inglese infatti si usa proprio questo termine sia per indicare l'annata che la vendemmia. Curioso, se pensiamo che oggi si usa anche per indicare i vestiti anni '60 o i dischi di vinile!

Vino Varietale

Vino Varietale: nebbiolo

Vino Varietale: il vino è ottenuto con uve della stessa varietà,  come Nebbiolo, Merlot, Trebbiano, Chardonnay. Spesso l'etichetta riporta proprio il nome della varietà.
In realtà un vino varietale può avere piccole quantità di altri tipi di uva, ogni paese stabilisce la percentuale minima di uva della stessa varietà per poter chiamare il vino "varietale":

  • 85% Italia, Francia, Germania, Austria, Portogallo, Spagna, Nuova Zelanda
  • 80% in Argentina
  • 75% in USA (tranne in Oregon dove è l'(80%), Cile, Sudafrica, Australia, Grecia.

Blend o Assemblaggio

Vino: assemblaggio o blend

Blend, o assemblaggio, o uvaggio: il vino è ottenuto dall'unione di uve di varietà diverse (almeno l'85%). Un esempio è il classico "taglio bordolese", ottenuto dall'unione di Merlot, Cabernet Sauvignon, e Cabernet Franc, utilizzati nei Bordeaux francesi e nei "Super Tuscans" italiani, a volte assieme al Sangiovese, come Sassicaia, Ornellaia, Tignanello.

In conclusione

Imparare a conoscere le caratteristiche base di un vino, e a degustarlo, non è difficile, ma più si impara, più si scopre quanto ci sia da sapere!
In questo articolo avete imparato alcuni concetti base, se avete voglia di approfondire, provate un altro argomento dalla nostra guida "ABC del Vino"!

Per domande, dubbi, curiosità, lasciate un commento qui sotto.

Buona degustazione!

Lascia un commento!

Torna su